giovedì 5 settembre 2013

IL BENESSERE ATTRAVERSO L'ALIMENTAZIONE

Salve amici,chi fra voi ha amici a 4 zampe?Io ne ho parecchi fra cani e gatti,e vi posso assicurare che l'alimentazione e' importantissima,pensate che un alimentazione scorretta puo' provocare varie patologie.Il mio pastore tedesco si chiama Attila,e' un bell'esemplare di 20 mesi,nel mese d'aprile comincio' a perdere il pelo ,e in un punto in particolare s'era creata una chiazza senza pelo e arrossata,il cane si leccava in continuazione in quel punto, l'ho dovuto curare con degli antibiotici perche' la veterinaria
Attila

pensava fosse dovuto ad un'intossicazione alimentare.Il problema si era risolto nel giro di una decina di giorni per ricomparire dopo 1 mese,ancora una volta l'ho curato con degli antibiotici.Fra guarigioni e ricadute siamo arrivati ad agosto,e...sapete cosa provocava quel problema?Le crocchette che mangiava!Erano a base di pollo e Attila era allergico!Una volta scoperta la causa abbiamo cambiato crocchette e marca e il nostro cane  ha recuperato  alla grande!
Luigino
Stesso discorso per il mio gatto,Luigino che ha 5 anni; c'e' stato un periodo in cui vomitava,aveva la diarrea ed era tutto sofferente,alla fine aveva avuto un blocco alla vescica, e la prima cosa che mi cambio' la veterinaria furono le crocchette!
Per questo,visto quello che e' successo ai miei adorati amici,sto attenta a quello che gli somministro!Parlando con degli amici mi hanno parlato bene di FORZA10 della Sanypet,quindi ho visitato il loro sito e le informazioni che ho raccolto sono state piu' che soddisfacenti,tanto che le voglio condividere anche con voi.

 SANYpet S.p.A. nasce nel 1996 da un’intuizione di Sergio Canello, medico veterinario esperto in patologie legate all’alimentazione, omeopatia e medicina naturale, oggi Responsabile dell’area Ricerca e Sviluppo dell'Azienda.

Gli studi effettuati dal dottor Sergio Canello hanno evidenziato una stretta correlazione fra una serie di patologie emergenti del cane e del gatto e l’alimentazione.
L’Azienda ha così indirizzato tutta la ricerca principalmente su quegli alimenti che, con formulazioni diverse, permettono la risoluzione dei disturbi più comuni di origine alimentare e garantiscono un migliore stato di salute a cani e gatti.
Il perseguimento di questi obiettivi è passato attraverso anni di studi e sperimentazione del cosiddetto RiS, il reparto di Ricerca e Sviluppo interno all'Azienda, che ha permesso a SANYpet di acquisire un ruolo di primo piano nel settore degli alimenti dietetici per gli animali domestici.
In breve tempo SANYpet si è ingrandita a livello nazionale ed europeo con un successo che è cresciuto di pari passo all’affermazione sul mercato delle linee FORZA10.

Da qualche anno, il reparto Ricerca e Sviluppo ha posto un’ulteriore pietra miliare sul cammino verso la salute e il benessere animale: la nuova Linea Nutraceutica FORZA10. Nasce come strumento nutrizionale nella risoluzione dei più comuni disturbi del cane e del gatto e unisce la riconosciuta azione delle formule monoproteiche FORZA10 Diet alle proprietà benefiche dei principi naturali aggiunti.
Quello che mi ha colpito e' che parlavano anche della risoluzione dei problemi che io avevo vissuto con i miei amici!Adesso ve lo riporto sul post:
Le intolleranze alimentari sono molto frequenti e si manifestano in modi anche totalmente inaspettati. Mentre è facile immaginare che dermatiti, prurito ed episodi gastroenterici possano essere collegati all’alimentazione, sicuramente lo è molto meno per otiti, cistiti, gengiviti, congiuntiviti, pancreatiti o artriti. Ma veramente moltissime sono le modalità di manifestazione d’intolleranza.

Patologie frequentemente legate all’alimentazione

  • Lacrimazione costante, arrossamenti
  • Congiuntiviti acute e croniche
  • Mantello secco, ruvido e opaco
  • Forfora, perdita di pelo a chiazze
  • Odore sgradevole della cute 
  • Prurito costante in zone circoscritte
  • Leccamento della zampa
  • Dermatiti, secche o umide, dorsali e ventrali
  • Dermatosi dello scroto
  • Piodermiti
  • Eczema del padiglione auricolare
  • Otite cronica
  • Desiderio esagerato di erba
  • Vomito a digiuno o alimentare
  • Borborigmi e flatulenza
  • Infiammazione delle sacche anali
  • Diarrea cronica

Cosa fare?

E’, di norma, già sufficiente sostituire i mangimi a base di carne derivante dall’allevamento intensivo (pressoché tutti) con quelli a base di pesce di mare, biologici o basati su proteine di animali allevati al pascolo, per eliminare gli inquinanti più tossici e veder scomparire gran parte dei problemi descritti in tempi compresi fra una e tre settimane.
Permarranno, ovviamente, i casi dovuti ad allergie  e altre cause, ma la percentuale di successo dei modelli dietetici di SANYpet è superiore a qualsiasi aspettativa.
Tutte le Linee FORZA10 sono basate sui principi appena descritti

Il perché di tante reazioni avverse al cibo

Nel cane e nel gatto, si manifesta chiaramente una fortissima percentuale di patologie legate all’alimentazione: perché?
E’ indiscutibile che la vita media dell’uomo, ma anche degli animali domestici, sia nettamente aumentata nello spazio di pochi decenni. Sappiamo che l’uomo è già arrivato a una vita media di ottant’anni, mentre il cane, la cui vita media era compresa, fino a vent’anni fa, fra gli otto e i tredici anni secondo la razza e la taglia (i cani giganti sono sempre vissuti meno delle razze piccole), arriva ora con facilità al traguardo minimo di 12/13 anni e a quello massimo di oltre vent’anni.
Ciò è legato fondamentalmente a un modello di vita senza stenti né carenza di cibo e alle vaccinazioni, che hanno letteralmente stroncato le malattie infettive più gravi. Inoltre, gli antiparassitari attuali hanno un’efficacia senza pari e riescono a tenere sotto controllo la maggior parte delle parassitosi più temibili.
Tuttavia, esistono due nuove emergenze che minacciano tutti e che permettono di far arrivare all’invidiabile età media attuale sia ognuno di noi, sia i nostri piccoli amici solo se si riesce a schivarle.
La prima è l’inquinamento.
Il responsabile di tutto ciò, come si può immaginare, è sempre l’uomo, spesso inconsapevole della sua capacità di alterare i cicli naturali e le leggi che, da sempre, sottendono la vita sul pianeta. L’equilibrio biologico sul nostro pianeta si è mantenuto finché l’uomo non ha iniziato a forzarlo per assicurare all’imperioso aumento della popolazione mondiale il cibo necessario e per dare a ciascuno un livello di vita assolutamente incompatibile con la sostenibilità ambientale.
L’utilizzo di fertilizzanti, antiparassitari, anticrittogamici, antifungini, disinfettanti, antibiotici, ormoni, acidi e tutto l’armamentario chimico che è stato inventato per piegare l’ambiente e gli animali d’allevamento alle nostre necessità, ha inquinato tutto e profondamente alterato la biologia della terra. Nei terreni coltivati, l’humus, il substrato di microflora e microfauna necessario al terreno per mantenersi fertile, è stato distrutto, e l’unico modo per produrre nelle quantità che impone la crescita continua della popolazione è quello di utilizzare fertilizzanti chimici, accompagnati da enormi dosi di diserbanti e antiparassitari. Non esiste pianta o animale che non sia infestato da parassiti sempre più indistruttibili, ed è sufficiente entrare in un consorzio agrario o in un garden per restare paralizzati dall’impressionante esposizione dei veleni in commercio.
La seconda emergenza è la carenza assoluta di Omega3 nell’alimentazione sia dell’uomo che dei loro piccoli amici. Perché? La responsabilità è, tanto per cambiare, dell’uomo che, sempre per aumentare la produttività dell’allevamento, ha interrotto il ciclo dell’erba, unico alimento (oltre al lino e la canapa, pressoché inutilizzati attualmente) per gli animali terrestri ricco di Omega3, sostituendolo con gli insilati di mais, ricchi solo di Omega6. In tal modo ha sbilanciato completamente l’equilibrio naturale e creato le condizioni di ulteriori e continui processi infiammatori. Infatti, gli Omega3 hanno un potere antinfiammatorio, mentre gli Omega6 hanno un potere esattamente contrario, creando le basi per infiammazioni croniche ubiquitarie. Quindi, se gli erbivori mangiano l’erba, il loro latte, carni, formaggi e uova saranno ricchi in Omega3, se mangiano mais, caratterizzato dalla presenza esclusiva di Omeag6, saranno una bomba di Omega6. Gli Omega6, comunque indispensabili e utili, sono benefici solo se in equilibrio con gli Omega3.
Quanto riferito sull’uomo accade anche nei cani e nei gatti. Infatti, gli alimenti in uso nel mondo pet food sono basati su un cereale (riso, grano o mais, ricchi esclusivamente di Omega6), sulle farine di carne e grassi animali, pressoché privi di Omega3. Come a dire che la presenza di processi infiammatori cronici è pressoché garantita.
Le uniche soluzioni applicabili nel mondo del pet food sono l’utilizzo di pesce di mare e relativo olio, oppure alimenti biologici, uniche fonti alimentari in grado di controbilanciare lo squilibrio creato dall’utilizzo dei cereali.
Questo perché il pesce di mare e relativo olio sono ricchissimi di Omega3, mentre gli alimenti biologici per cani e gatti ne contengono in quantità sufficiente perché assicurata da farine di animali che vengono allevati al pascolo, cioè con erba.

Allergie e intolleranze alimentari

Allergie e intolleranze alimentari sono dunque in continuo aumento sia nell’uomo sia nei cani e nei gatti, ed è logico domandarsi cosa si può fare. Pur non esistendone evidenze scientifiche chiare, tale causa abbiamo visto essere strettamente collegata all’enorme aumento di sostanze inquinanti (xenobiotici) presenti nell’ambiente e nella catena alimentare. Se prendiamo come esempio l’orso polare, scopriamo che tale animale, che vive in un ambiente insospettabile dal punto di vista dell’inquinamento, è quello più contaminato, con riflessi pesanti specie sulla sua fertilità. La spiegazione del suo grado di contaminazione è data, appunto, dalla catena alimentare: l’orso si ciba di pesci e di foche, che si cibano a loro volta di pesci sempre più piccoli, che si cibano di alghe o di plancton. Tutta la catena viene a contatto con le sostanze più disparate giunte in mare attraverso i fiumi dei paesi più industrializzati.
Il problema si pone, e in maniera molto più pesante, negli animali terrestri. In questo caso, la catena alimentare porta a un accumulo diretto di sostanze chimiche e farmacologiche che normalmente non si scompongono. Infatti, mentre l’inquinamento marino è legato a fattori indiretti (il contatto casuale con sostanze tossiche vaganti nell’oceano), quello terrestre è diretto perché legato alla somministrazione e all’utilizzo, spesso quotidiano ma nel rispetto delle leggi vigenti, di molecole farmacologiche e chimiche in tutti gli animali d’allevamento intensivo.
L’introduzione di sostanze inquinanti nell’organismo (antibiotici, ormoni, fitofarmaci, antiparassitari, anticrittogamici, metalli pesanti, melamina, diossina, policlorobifenili, nitriti, nitrati, ecc.) avviene anche attraverso l’aria e l’acqua, ma il veicolo fondamentale è l’alimentazione.
Attraverso la catena alimentare giungono i residui di un numero impressionante tonnellate di prodotti chimici di sintesi, usati specialmente nell’industria, in agricoltura e nell’allevamento intensivo. Purtroppo, le quantità immesse nell’ambiente ogni anno si sommano, portando a un inquinamento chimico e farmacologico di tutto il pianeta impressionante. 
Se si considera che, prima della seconda guerra mondiale, la produzione mondiale di prodotti chimici era di circa un milione di tonnellate mentre ora siamo a circa 500 milioni di tonnellate, si può avere una chiara spiegazione dell’esplosione di intolleranze e allergie.
Chi ha vissuto la sua infanzia nel dopoguerra può confermare che, in quel periodo, le intolleranze alimentari non esistevano e che le allergie erano enormemente meno frequenti. Inoltre, la comparsa delle allergie avveniva esclusivamente nella prima infanzia o nell’adolescenza. Attualmente, sia le intolleranze, sia le allergie compaiono a tutte le età, e non è raro riscontrare la comparsa improvvisa di tali fenomeni anche in persone di 70 o 80 anni  e in cani o gatti di 10, 12 anni o più.
La spiegazione sembra semplice: ogni individuo ha una specifica capacità di “assorbire” tali veleni. Superata tale capacità, compaiono le allergie e/o le intolleranze, il flagello dei nostri tempi.
SANYpet, come mission, si è posta l’obiettivo di ripristinare i principi dell’alimentazione secondo quanto ha previsto la più grande maestra: la natura. In tale modo, si potrà osservare su tutti i cani e gatti un miglioramento netto dello stato di salute, evidenziato in modo inequivocabile da un cambiamento straordinario dello stato del mantello.

Fidati di FORZA10!
Questa e' la campionatura che la Sanypet mi ha gentilmente omaggiato 
E IO MI SONO FIDATA!!!
Infatti ora vi mostro Attila e Luigino con una bella ciotola piena di croccantini Forza 10 ...voi,sicuramente  saprete che quando e' l'ora della pappa i nostri amici ci seguono,lanciano segnali,miagolano,si strusciano alle gambe,ma poi attendono,stamattina sara' stato l'odore dei nuovi croccantini,sara' stata la fame,ma non mi davano il tempo di riempire la ciotola!


Guardate come mangiano voracemente ,Attila,addirittura si e' accomodato con la ciotola fra le  zampe,per paura che qualcuno potesse portargliela via!Oggi e' il primo giorno che mangiano queste crocchette ,quindi per potervi dire qualcosa di piu' dovrete attendere un po' di giorni,ma gia' il fatto che i miei  2 amici a 4 zampe hanno gradito alla grande il cambiamento,me la dice lunga!Se volete approfondire l'argomento vi consiglio di visitare il loro sito,o la pagina facebook.Invece,se anche voi avete provato questo mangime,ditemi se i vostri amici hanno gradito!Buona serata a tutti...


9 commenti:

  1. E' vero, il tuo Luigino assomiglia molto alla mia Nuvola :)
    Da oggi ti seguo anche io ;)
    Grazie per essere passata :)

    http://4passinellamiavita.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. almeno nei colori,sono molto simili!:_)

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Che animali dolcissimi, io li adoro tutti e conosco Forza 10 SANIPET è UNA CASA MOLTO SERIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me chi non ama gli animali,non sa amare neanche gli umani!:-

      Elimina
    2. Secondo me chi non ama gli animali,non sa amare neanche gli umani!:-

      Elimina
  3. Sono stupendi, i tuoi cuccioli:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie,soprattutto sono dolcissimi!:-)

      Elimina
    2. grazie,soprattutto sono dolcissimi!:-)

      Elimina